Differenza Cure Palliative e Terapia del Dolore

0 81

Il dolore è una sensazione a cui nessuno è indenne, ma ci sono patologie e condizioni che determinano una sintomatologia dolorosa veramente difficile da sopportare.

Una parte del nostro corpo viene sollecitata e questo stimolo attraverso i nervi viene portato al cervello che lo traduce in dolore.

Il dolore può essere acuto e penetrante come quando si verifica uno strappo muscolare o un’infiammazione, pulsante e snervante come nel caso del mal di denti, bruciante e insopportabile nel caso di un crampo.

Può mostrarsi a grappolo come nelle cefalee omonime, dare persino vertigini nel caso di problemi alla cervicale.

Il dolore può essere un episodio isolato, che magari non si verificherà più, o diventare cronico.

Il dolore che non passa, detto appunto cronico, può essere alleviato con una terapia del dolore mirata a seconda della causa scatenante.

Il dolore infatti può avere diverse origini, essere causato da malattie croniche ed in alcuni casi autoimmuni (lupus, fibromialgia o artrite reumatoide), essere il sintomo di un’infiammazione e di una compressione nervosa oppure accompagnare malattie gravi come i tumori.

Provare dolore non solo non è piacevole ma non è neanche un sintomo da sottovalutare, visto che può essere una spia di problemi più seri.

Quando la sintomatologia dolorosa perdura è sempre meglio fare esami e visite specialistiche.

Spesso si sente parlare di terapia del dolore e cure palliative ma qual è la differenza e in cosa consistono?

Differenza tra Cure Palliative e Terapia del Dolore

Il dolore è un sintomo che è possibile alleviare attraverso diverse tecniche e trattamenti medici a seconda della sua origine.

Nei casi di gravi patologie la terapia deve essere accompagnata da cure e interventi che hanno come obiettivo quello di ridurre il dolore.

La terapia del dolore in particolare si impegna a trattare tutte quelle malattie refrattarie ad altri trattamenti, può essere una terapia di supporto ma in molti casi è la prima scelta rispetto ad altri interventi.

Solitamente i trattamenti della terapia del dolore, infatti, sono poco invasivi rispetto ad altre tecniche e permettono al paziente di riprendersi in minor tempo.

Quando si praticano trattamenti e terapie per patologie dalla cattiva prognosi invece si parla perlopiù di cure palliative.

Le cure palliative hanno il fine di far stare meglio il paziente con una malattia a progressione infausta.

Come Curare il Dolore

Esistono vari tipi di principi attivi nostri alleati nella cura farmacologica contro il dolore: paracetamolo, acido acetilsalicilico, naprossene, diclofenac fino alla morfina ed i cannabinoidi.

Molteplici sono anche i modi di somministrazione: iniezioni (intramuscolari, sottocutanee, infiltrazioni), fleboclisi, per via orale oppure tramite il derma sotto forma di spray, creme o schiume.

Nel caso di dolore da contrazione si può trovare sollievo grazie a massaggi o getti di acqua calda che rilassano le fibre.

Un altro metodo per curare il dolore può essere l’agopuntura che, agendo su particolari punti, interrompe la trasmissione del dolore verso il cervello.

Negli stati cronici oltre a curare la malattia che provoca il dolore bisogna instaurare un iter quasi permanente di somministrazioni di antidolorifici e, nel caso di stati infiammatori, la contemporanea somministrazione di FANS o cortisonici.

Il trattamento diventa più complicato quando la malattia non è più curabile come nei casi oncologici in stato avanzato.

Alleviare il dolore e i sintomi in questo caso diventa il focus principale per migliorare la qualità della vita del paziente.

La terapia è basata principalmente su oppiacei e morfina (spesso seguiti da anestesisti).

In questo caso le cure palliative non sempre bastano.

Si cerca di costruire al paziente una rete di relazioni interpersonali ed occupazioni per distrarlo, migliorando il morale anche tramite la somministrazione di antidepressivi.

Non è sufficiente curare solo il dolore fisico ma anche quello morale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp chat