Discopatia: Trattamenti e Rimedi

0 129

Particolari posture scorrette che assumiamo durante la giornata come lo stare seduti in auto, trascorre ore al computer costringendo il tronco ad un’atteggiamento cifotico, o gravare sugli arti con un fisico in sovrappeso, sono fattori che a lungo deteriorano le cartilagini.

Il tessuto cartilagineo riveste le superfici articolari ed è deputato a limitare l’attrito nella giunzione tra i segmenti ossei.

Non è vascolarizzato e assorbe il nutrimento dal liquido sinoviale presente nella capsula articolare e nel quale è immerso.

La sua funzione è essenzialmente di ammortamento, essendo un tessuto specializzato nel trattenere liquidi al suo interno e a fungere da cuscinetto attenuante gli stimoli meccanici.

In particolare quando le cartilagini intervertebrali rimangono schiacciate tra i segmenti ossei contigui, perdono il liquido che hanno all’interno e risultano impossibilitate a rigonfiarsi a causa del peso che grava su di loro.

Esattamente come una spugna tenuta in compressione, che anche se immersa in acqua non riesce a richiamarne al suo interno, così i dischi intervertebrali riescono a rigonfiarsi solo quando il tronco è a riposo (a letto o comunque in posizione orizzontale).

Questo è il motivo per cui al mattino risultiamo più alti anche di due cm rispetto alla sera ed è il meccanismo grazie al quale una notte di sano riposo ci fa dimenticare la lombalgia con la quale siamo andati a letto la sera prima.

Quando un disco intervertebrale risulta insufficiente, cioè non riesce a garantire lo spazio fisiologico tra una vertebra e l’altra, ne consegue un dolore più o meno intenso, causato dalla compressione dei nervi interspinali che vi decorrono.

Ogni segmento spinale è soggetto a tale ingiuria, dalla porzione lombare al segmento toracico, fino al rachide cervicale.

In casi gravi fortunatamente rari, è necessario un intervento in urgenza, ma il più delle volte è sufficiente una terapia a base di farmaci antiinfiammatori durante la fase acuta e/o ginnastica e cicli fisioterapici di base.

Discopatia: Trattamenti e Rimedi

Il percorso ginnico, volto a rinforzare il segmento muscolare interessato, che contribuisce ad una postura corretta e al contenimento della componente scheletrica.

All’uopo è utile indossare per i primi tempi, una panciera semirigida (se interessata la zona lombare) o un collare protettivo (per la zona cervicale).

La fisoterapia comprende esercizi di riabilitazione delle escursioni di una determinata articolazione e tramite una componente strumentale, la terapia antalgica e/o antiinfiammatoria del segmento anatomico in oggetto.

Tra i trattamenti più comuni ed efficaci:

  • TENS, è una corrente a basso voltaggio che si applica sul nervo dolente allo scopo di “ingannarlo”, impegnandolo nella saturazione della soglia, attenuando così la trasmissione dell’impulso doloroso.
  • TECAR, trasferisce cariche elettriche dall’esterno, provocando un’amplificazione dei processi autoriparativi. Determina una vasodilatazione con conseguente incremento del flusso ematico e dunque di ossigeno.
    E’ efficace sia sul comparto scheletrico che sulle lesioni muscolo-tendinee.
  • Ultrasuoni, provocano una vibrazione ai tessuti infiammati, stimolando le membrane cellulari ad un aumento del metabolismo. Inducono calore, che dilatando i vasi sanguigni, favoriscono l’apporto di ossigeno tramite un maggiore flusso ematico. Per tutte le problematiche muscolo-scheletriche.
  • Laser terapia, somministra energia ottica, stimolando la riparazione naturale. Particolarmente indicata sulle lesioni tendinee, non ha effetto sui danni cartilaginei.
  • Magnetoterapia, stimola i meccanismi riparativi naturali tramite impulsi magnetici a bassa frequenza e alta densità (almeno 300 Gauss).
  • Ossigeno-ozono terapia. Sfrutta le proprietà antiinfiammatorie e antalgiche dell’ozono, nonchè lo stimolo alla riparazione tissutale indotta dell’ossigeno. Viene prodotto in ambulatorio tramite piccoli ozonizzatori e infiltrato sulla zona da trattare con una semplice iniezione. Il ciclo consiste in 12 somministrazioni, da effettuarsi ad intervalli di una settimana, ma l’effetto antalgico è pressocchè immediato.
    E’ efficace sia sull’apparato scheletrico, che sulla muscolatura e su tutti i tipi di nevriti. Ultimamente si è rivelata valida anche nella nevralgia di Arnold, un raro disturbo del nervo occipitale, causa di cefalee lancinanti ed improvvise.
    Sono possibili applicazioni su tutto il rachide, compresa la porzione cranio-occipitale, sede del dolore nella nevralgia di Arnold, che provoca cefalee improvvise e lancinanti.

Il dolore è un segnale che allarma il nostro organismo, limitandone la mobilità o inducendolo ad assumere posizioni inconsuete (atteggiamento antalgico), in seguito al quale i segmenti danneggiati subiscono un minore insulto meccanico e grazie alle quali il dolore si attenua.

Impedendo determinati movimenti viene scongiurato il rischio di ulteriori danni.

La terapia antalgica potrebbe indurre il paziente a muoversi liberamente pur non essendo ancora guarito.

Per questo motivo le terapie antalgiche vanno sempre supervisionate da uno specialista.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp chat