Frattura Vertebrale: Riabilitazione e Tempi di Guarigione

0 21.529

Con il termine frattura, ci si riferisce all’interruzione parziale o totale di un segmento osseo, che può avere origine traumatica e/o patologica, essere causata da stress meccanico e/o da contrazioni.

In particolare una delle fratture più gravi è la frattura vertebrale, che avviene quando una delle vertebre che compongono la colonna vertebrale, si crepa o si rompe.

Le conseguenze di una frattura vertebrale a volte sono estremamente serie, a seconda del tratto della colonna vertebrale e le strutture anatomiche interessate dall’evento traumatico.

In caso di lesione delle vertebre con danno midollare, i sintomi motori o/e sensitivi saranno più gravi.

Le zone della colonna vertebrale più esposte a rischio di frattura sono quelle del rachide lombare, a livello della giunzione toraco-lombare, e cervicale, che sostiene il peso del capo ed è costituito da vertebre più piccole e una minore muscolatura, entrambe dotate di grande motilità.

Cause Frattura Vertebrale

Come e Perchè si Fratturano le Vertebre?

Quando si parla di fratture vertebrali si pensa subito a traumi dovuti a incidenti stradali, ma in realtà questa non è la causa più frequente.

La causa principale di frattura vertebrale è l’osteoporosi, una patologia che porta all’assottigliamento e quindi all’indebolimento delle vertebre. Questo processo degenerativo a carico delle strutture ossee progressivamente determina un crollo vertebrale con instabilità della colonna, a cui è associata una sintomatologia dolorosa ingravescente.

Le fratture vertebrali patologiche possono essere provocate anche da tumori vertebro-midollari, di origine benigna o maligna.

Non è possibile quindi affermare che tutte le fratture vertebrali sono causate da traumi, nonostante possano essere la causa scatenante anche nei processi patologici.

Ad esempio per i pazienti che soffrono di osteoporosi basta un trauma minimo per portare la vertebra al collasso, mentre per le persone non affette da questa patologia, le fratture vertebrali sono dovuti a traumi di maggiore entità.

Cure Frattura Vertebrale

Tipi di Fratture Vertebrali e Rimedi

A seconda dell’entità della frattura vertebrale, le lesioni si possono suddividere in due macro gruppi:

  • Fratture Minori: si verificano quando si lesionano i componenti posteriori della colonna vertebrale, ad esempio le apofisi.
  • Fratture Maggiori: avvengono quando si frattura il corpo vertebrale, o le lamine ed i peduncoli, responsabili della stabilità della colonna vertebrale. Queste fratture sono più gravi e di solito determinano una sintomatologia più dolorosa.

Inoltre le fratture possono essere stabili o instabili.

La frattura stabile non comporta danni neurologici o alla stabilità della colonna vertebrale e per questo è curabile attraverso busti o gessi immobilizzanti, che aiutano la calcificazione e quindi la guarigione della frattura.

La frattura instabile è estremamente più pericolosa, in quanto i problemi di stabilità risultano essere gravi e l’ipotesi di danni neurologici inizia a essere concreta.
In questo caso si interviene tramite operazione chirurgica, in maniera più, o meno invasiva.

In alcuni casi è possibile trattare le fratture vertebrali tramite la vertebroplastica percutanea, una tecnica che consiste nell’iniezione percutanea di cemento osseo nel corpo vertebrale.

Questo tipo di intervento di solito trova indicazione nel trattamento di fratture vertebrali su base osteoporotica, angiomatosa, mielomatosa o da localizzazione secondaria, in cui il dolore non riesce ad essere attenuato tramite somministrazione di farmaci.

In ogni caso una corretta diagnosi e una visita medica specialistica sono fondamentali per la scelta della terapia più adeguata.

Riabilitazione Frattura Vertebrale

Con il termine riabilitazione ci si riferisce alle pratiche di rieducazione che hanno come obiettivo la ripresa della normale attività a seguito di un trauma fisico.

La riabilitazione ad opera di personale qualificato, come i fisioterapisti, è fondamentale in seguito a un intervento, per recuperare le normali facoltà motorie.

La tipologia di riabilitazione dipende soprattutto dalla vertebra interessata alla frattura.
Tramite l’uso di macchinari, massaggi e di ginnastica controllata dal fisioterapista, il paziente, se non affetto da patologie vertebrali, potrà finalmente riprendere le normali facoltà motorie e dedicarsi a tutte le attività desiderate.

Tempi di Guarigione Frattura Vertebrale

In seguito a una frattura la prima domanda che ci si pone è dopo quanto tempo si potrà riprendere la quotidianità.

I tempi di guarigione variano estremamente, in base alla vertebra fratturata, alla causa (se per trauma dovuto a un incidente o per patologie come l’osteoporosi) e all’entità della frattura.

Solitamente il ricovero per l’intervento dura pochi giorni, da lì la piena guarigione si avrà in un tempo compreso tra 3 e i 6 mesi.

Bibliografia

Ross PD. Clinical consequences of vertebral fractures. Am J Med. 1997.

Cortet B, Roches E, Logier R, Houvenagel E, Gaydier-Souquiéres G, Puisieux F, et al. Evaluation of spinal curvatures after a recent osteoporotic vertebral fracture. Joint Bone Spine. 2002.

Nevitt MC, Ross PD, Palermo L, Musliner T, Genant HK, Thompson DE. Association of prevalent vertebral fractures, bone density, and alendronate treatment with incident vertebral fractures: effect of number and spinal location of fractures. The Fracture Intervention Trial Research Group. Bone. 1999.

Lee YL, Yip KMH. The osteoporotic spine. Clin Orthop. 1996.

Garfin SR, Yuan HA, Reiley MA. Kyphoplasty and vertebroplasty for the treatment of painful osteoporotic compression fractures. Spine. 2001

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp chat