Infiltrazioni Caviglia

0 43

Quando si parla di infiltrazioni caviglia si fa riferimento ad una particolare terapia farmacologica utilizzata per trattare una grave infiammazione o specifici disturbi delle articolazioni.

Spesso si sente parlare anche di infiltrazioni al ginocchio e al polso e solitamente si tratta della stessa terapia dedicata alla caviglia.

Sostanzialmente questo tipo di terapia è mirato a trattare con cortisone o acido ialuronico le patologie o i traumi legati ai tessuti duri e molli delle principali articolazioni del corpo.

In questo articolo, quindi, troverai tutto quello che c’è da sapere in materia di infiltrazioni caviglia assieme a quando sono consigliate e a come si svolge il trattamento.

Artrosi Caviglia Sintomi e Cure

L’artrosi della caviglia è una patologia molto comune e che spesso viene trattata con le infiltrazioni.

Essa riguarda il tratto di snodo tra tibia, perone, astragalo e ossa del piede.

Come tutte le artrosi, quella della caviglia è una patologia degenerativa.

Infatti essa tende a peggiorare nel tempo se non trattata con le opportune cure.

Per essere più precisi l’artrosi della caviglia può colpire tre differenti tratti articolari conosciuti come articolazione:

  • tibio-tarsica
  • tibio-peronea
  • talo-calcaneare

Perché si sviluppa l’artrosi?

Quest’ultima è quella generalmente più colpita dall’artrosi perché corrisponde ad una zona ad alta libertà di movimento e che, quindi, presenta maggiori rischi di sovraccarico, trauma o lesione visto che è anche la zona su cui si concentra maggiormente il peso corporeo.

A tale proposito i principali sintomi dell’artrosi della caviglia sono dolore generalizzato sulla zona, gonfiore, rossore, difficoltà nei movimenti, rigidità e deformità.

L’artrosi può dipendere da infezioni, caratteri ereditari, gotta, traumi, obesità, postura scorretta e altre cause legate a lavori o attività sportive intensive ed usuranti.

Il trattamento è solitamente suddiviso in tre parti di cui mobilità fisioterapica mirata, trattamenti antinfiammatori locali e farmaci antidolorifici.

Trattamento Conservativo: Le Infiltrazioni Articolari

I metodi per risolvere le artrosi e le patologie della caviglia, come avrai capito, sono numerosi e dipendono sempre dalle cause che li hanno generati.

Nei casi più gravi si fa uso di Artroscopia o di intervento chirurgico ma sempre dopo aver tentato con il recupero tramite la terapia fisioterapica e farmacologica.

Quando questo non è sufficiente si abbinano antinfiammatori di potenza maggiore come il cortisone.

Tuttavia può avere effetti collaterali anche gravi e deve essere somministrato da un esperto verificato.

In tema di trattamenti conservativi per patologie degenerative come l’artrosi le soluzioni sono sempre integrate e da sole non possono quasi mai portare i risultati sperati.

Difatti quando il gonfiore e l’infiammazione sono risolte subentra la fase di mantenimento che è rivolta alla conservazione della salute dell’arto.

Per questo sarà sempre opportuno integrare terapie farmacologiche con massaggi, fisioterapia e tutto quanto il medico ritenga opportuno.

Come vedremo qui di seguito l’acido ialuronico è stato inserito per la prima volta a partire dal 1970 per la terapia conservativa dell’artrosi articolare.

Infiltrazioni Acido Ialuronico Caviglia

Nei casi di mantenimento dopo la fase più dolorosa dell’infiammazione o dopo piccoli traumi facilmente risolvibili si può sottoporre la caviglia alle infiltrazioni a base di acido ialuronico.

Si caratterizza per l’iniezione intra-articolare di sodio ialuronato.

Vista la sua particolare elasticità il trattamento è chiamato anche viscosupplementazione.

La sua efficacia è stata ampiamente dimostrata in medicina dato che l’acido ialuronico si torva anche nel liquido sinoviale che lubrifica le articolazioni e fa sì che queste si muovano senza intoppi.

Esso è noto anche perché protegge le cartilagini e fluidifica i movimenti laddove vi siano infiammazioni, versamento, rigidità e gonfiore.

Infiltrazioni Cortisone Caviglia

Non tutti gli esperti sono concordi circa l’efficacia delle infiltrazioni a base di acido ialuronico perché ritengono siano leggermente più efficaci del placebo.

In alcuni casi esse si dimostrano meno efficaci delle infiltrazioni a base di cortisone ma proprio per la loro differente natura bisogna sia chiaro che ogni caso specifico richiede un differente approccio alla terapia.

Per esempio un giovane che ha lesionato i legamenti della caviglia con una storta dovrà fare fisioterapia e sottoporsi a trattamenti anti-infiammatori mirati; se questo non dovesse bastare potrebbe essere di aiuto l’acido ialuronico.

Nel caso di una grave artrosi dolorosa, invece, potrebbe essere più opportuno il cortisone dato che è uno degli anti-infiammatori più potenti in circolazione.

Anche in medicina la virtù sta nel mezzo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp chat