La Storia di Maria Monaco (Facebook)

0 99

Buongiorno a tutti, sono Maria Monaco. Voglio raccontarvi un pò la mia storia. Tre anni fa, all’improvviso, ho avuto dolori alla spalla destra, formicolio al braccio destro e dolori fortissimi.

Entro tre giorni sono peggiorata, una paresi lato destro: sono stata a fare una visita e mi hanno ricoverata ed operata subito… Ernia cervicale con interessamento del midollo.

Sono stata fortunata, mi sono ripresa subito e gli arti hanno cominciato a funzionare, però i dolori continuavano dove mi dicevano che piano piano sarebbero passati: non è stato così e da lì è iniziato il mio calvario: ho consultato tanti medici e nessuno mi sapeva dire niente, così io e mio marito abbiamo cominciato a fare risonanze nuove sia lombari che dorsali.

Si è dunque visto che avevo due ernie e tanti altri problemi con scivolamento delle vertebre, sono stata da diversi medici e nessuno mi voleva operare, mentre i dolori aumentavano sempre di più.

Da tre anni assumo morfina senza nessun risultato. Con tanti medici ho fatto diverse terapie del dolore senza alcun esito, i dolori mi hanno costretto a non camminare.

Poi un giorno vidi su Gb il Dott. Sbacchi: alla prima impressione mi metteva serenità, così ho deciso di andare da lui, dove ho portato l’ultima risonanza che avevo fatto a settembre.

Ho iniziato la terapia del dolore solo che non ha fatto niente, così il Dott. Sbacchi ha voluto farmi fare una nuova risonanza dove si vedevano due ernie grossissime espulse da operare.

Il Dott. Sbacchi mi ha incoraggiata a provare i suoi metodi ed io mi sono fidata: mi ha ricoverato nella clinica e mi ha operata… Che dirvi, non ho parole, sono trascorsi 15 gg dall’intervento e non ho più dolori, cammino con le mie gambe, sono contentissima!

Pensate che da tre anni soffrivo facendo morfina tutti i giorni e non dormivo più nel letto, ora dormo nel letto e non assumo più morfina, sto bene!

Non so come ringraziare il Dott. Sbacchi, fidatevi di lui, è una persona professionale. Grazie, grazie, grazie!

Recensione pubblicata sulla pagina Facebook il 6 Dicembre 2017.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp chat