Spondilolistesi: Sintomi Diagnosi e Trattamenti

0 259

La spondilolistesi caratterizza lo spostamento di una vertebra rispetto a quella sottostante.

Lo spostamento più frequente è in avanti, anche detto anterolistesi, ma può avvenire anche posteriormente o lateralmente, retrolistesi o laterolistesi.

Spondilolistesi

Il primo a parlare di questa patologia fu un ostetrico belga nel 1782, ma il termine spondilolistesi è stato coniato solo nel 1854 e deriva da due parole greche: σπόνδυλος e ο̉λίσθησηις, che significano vertebra e scivolare.

La parola descrive la patologia caratterizzata dallo scivolamento di una vertebra rispetto alla vertebra sottostante.

Vengono coinvolte solitamente la quarta e la quinta vertebra lombare e la prima vertebra sacrale.

Viene colpito dal 3 al 7 % della popolazione e molto spesso ne sono soggetti gli atleti e i danzatori.

Sintomi

I sintomi e le problematiche che derivano da questa patologia normalmente dipendono dalla gravità dello scivolamento.

Il dolore è concentrato nella zona lombosacrale e può coinvolgere anche gli arti inferiori.

Si possono avere disturbi tipici della lombalgia acc5ompagnati spesso da sciatalgia.

Il dolore può accentuarsi e aggravarsi a causa di sforzi fisici, dallo stare troppo tempo in piedi o dal passaggio dalla posizione seduta a quella eretta.

Nelle situazioni più gravi si può arrivare ad un accorciamento del tronco o allo spostamento dell’addome in avanti.

Tipi di Spondilolistesi

Esistono due classificazioni utilizzate per ripartire i diversi tipi di spondilolistesi, una a base anatomica e l’altra a base eziologica.

Nel primo caso le spondilolistesi vengono suddivise in displastica o congenita, istmica con un difetto di formazione dell’arco neurale, degenerativa, post traumatica o patologica conseguente indebolimento delle strutture ossee vertebrali determinato da varie patologie come tumori, osteoporosi ecc.

Nella seconda classificazione si hanno due categorie: spondilolistesi dello sviluppo ed acquisite. Quest’ultime vengono suddivise in: patologiche, traumatiche, post-chirurgiche e degenerative.

Diagnosi e Trattamenti

La spondilolistesi viene evidenziata solo da un esame radiografico.

Molto spesso siccome può essere una malattia latente o asintomatica, viene scoperta per caso durante accertamenti radiografici che vengono effettuati per altri motivi.

Dalla radiografia si può evincere il tipo di spostamento e la gravità di quest’ultimo per poter capire che tipo di terapia attuare.

Si può ricorrere a trattamenti conservativi attraverso tecniche fisioterapiche come la ginnastica posturale, che insegnano al paziente a mantenere una postura adeguata rinforzandone la muscolatura del tronco.

Nel caso di acutizzazione si deve trattare innanzitutto il dolore con riposo e terapie farmacologiche basate su antinfiammatori e miorilassanti.

Post fase acuta si interviene con i metodi conservativi. Molto spesso occorre utilizzare trattamenti ortopedici come busti e corsetti per aiutare a mantenere una postura corretta.

Nei casi più gravi si ricorre alla chirurgia con l’artrodesi attraverso la quale la vertebra scivolata viene saldata con quelle sopra e quelle sottostanti.

Prevenzione

È molto importante cercare di prevenire la spondilolistesi. Per fare questo si deve agire sulle possibili cause che possono sviluppare la patologia.

Bisogna cercare di mantenere una corretta postura della colonna vertebrale evitando soprattutto di sovraccaricarla con pesi e sforzi eccessivi.

Inoltre è molto importante evitare possibili traumi a carico della colonna e tenere sotto controllo eventuali malattie che possono indurre deterioramento o rottura delle vertebre.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp chat