Tendinite Caviglia: Sintomi e Cura

0 35

Come capire se si soffre di Tendinite all Caviglia? In questo articolo scopri i Sintomi e le Terapie per il dolore alla caviglia.

Cosa sono i tendini?

I tendini sono tessuti molli che collegano i muscoli alle ossa e sono composti da proteine e tessuti fibrosi flessibili.

Nel caso della caviglia i tendini che la compongono sono:

  • Tendine d’Achille
  • Tendine Tibiale (anteriore o posteriore)
  • Tendini Peronei

Questi tessuti hanno lo scopo di stabilizzare e supportare l’intera struttura della caviglia, fondamentale per camminare, correre e saltare.

Proprio perché si tratta di una zona costantemente sottoposta a sollecitazioni, i tendini della caviglia possono essere soggetti a infiammazioni (tendiniti) o nei casi più gravi a rottura.

Le cause dell’infiammazione dei tendini della caviglia possono essere infortuni, sovraccarico e alcune forme di artrite.

La lesione del tendine della caviglia invece può essere causata da un’infiammazione trascurata, un trauma fisico o uno sforzo eccessivo, l’elevato peso corporeo o patologie che portano a un indebolimento nel tempo delle fibre che compongono i tendini.

I soggetti più predisposti a questi tipi di infortuni sono per la maggior parte dei casi atleti, ma chiunque può soffrire di tendinite.

Come capire se si un tendine della caviglia infiammato? Quali sono i sintomi della tendinite alla caviglia?

Sintomi Tendinite Caviglia

Nel caso di infiammazione di uno o più tendini della caviglia i sintomi che in genere si manifestano sono:

  • Dolore alla caviglia
  • Gonfiore e rigidità dell’arto

Quando invece si sospetta la rottura del tendine della caviglia i sintomi sono:

  • Dolore acuto
  • Difficoltà nel camminare
  • Ematoma e gonfiore nella parte interessata
  • Rigidità alla caviglia

Tendinite Caviglia Cura

Le terapie per gli infortuni alla caviglia cambiano a seconda della gravità della lesione o dell’infiammazione tendinea.

Nel caso di tendinite, il paziente dovrà adottare una terapia contro il dolore e l’infiammazione, tenendo a riposo la caviglia per evitare che si possano presentare fattori che compromettano la guarigione completa.

Oltre all’assunzione di farmaci antinfiammatori, infatti, il trattamento per l’infiammazione del tendine della caviglia prevede assoluto riposo.

Può essere d’aiuto l’applicazione quotidiana di ghiaccio nella parte interessata, l’utilizzo di stampelle e la posizione elevata del piede a riposo.

Nel caso in cui lo stato infiammatorio tenda a peggiorare è consigliabile sottoporsi a una terapia a base di infiltrazioni di cortisone, che ha un’alta componente antinfiammatoria, e di acido ialuronico per salvaguardare l’articolazione ed attenuare il dolore.

Anche l’ozonoterapia è molto efficace in questi casi.

Le infiltrazioni di ozono alla caviglia hanno un potente effetto analgesico e antinfiammatorio.

In base alla diagnosi è possibile sottoporsi anche a sedute di fisioterapia che prevedono esercizi di stretching e di rinforzo dei muscoli e trattamenti di laser-terapia, onde d’urto o ultrasuoni.

Nel caso di rottura dei tendini, come ad esempio quello di Achille, a seconda della gravità della lesione si può optare per l’operazione chirurgica (se la rottura è totale) oppure di trattamenti conservativi (in caso di lesione parziale) attraverso gesso o tutore e l’utilizzo di stampelle per mantenere il tallone sollevato da terra.

Qualsiasi sia l’entità del danno al tendine, successivamente all’appoggio del piede a terra, il paziente dovrà sottoporsi a numerose sedute di fisioterapia.

La completa guarigione dalla rottura del tendine infatti richiede un tempo di recupero di alcuni mesi.

Per tutti coloro che sono predisposti a soffrire di disturbi legati ai tendini della caviglia esistono degli accorgimenti importanti da seguire per ridurre il rischio di infortuni al piede.

Per prevenire la tendinite alla caviglia si consiglia:

  • Utilizzo di scarpe comode e appropriate a seconda del tipo di sport praticato
  • Attenzione ai movimenti della caviglia
  • Non sovraccaricare né sforzare troppo l’articolazione
  • Indossare quando consentito appositi tutori
  • Eseguire sempre esercizi di allungamento e riscaldamento muscolare prima e dopo ogni tipo di allenamento
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp chat