Terapia del Dolore per le Patologie della Schiena

0 42

La terapia del dolore, più tecnicamente detta algologia o ancora terapia antalgica, ha come obiettivo quello di alleviare il dolore, sia esso di natura metabolica, ortopedica o oncologica, in quei pazienti che non rispondono alle cure mediche specifiche.

Applicando questa terapia si cerca di dare sollievo al paziente per vivere meglio, nei casi di dolore cronico di tipo articolare e muscolare o causato da gravi patologie, o ancora per permettere una migliore risposta nel caso di riabilitazione post-intervento.

Terapia del Dolore per le Patologie della Schiena

Le principali vie attraverso cui agisce la terapia del dolore nei casi di patologie della schiena sono la somministrazione di farmaci specifici a livello delle radici nervose della colonna vertebrale, gli interventi chirurgici mini invasivi, e l’applicazione di elettrostimolatori che modulano l’invio delle informazioni relative al dolore al cervello.

A seconda della patologia e dello stato del paziente il medico, dopo un’attenta diagnosi in cui vengono effettuati tutti gli esami strumentali necessari, decide quale terapia applicare.

Alcuni trattamenti di terapia del dolore per il mal di schiena includono le tecniche di decompressione discale, la denervazione delle faccette articolari, la peridurografia e la peridurolisi per via caudale, il blocco peridurale lombare transforaminale.

Tecniche di Decompressione Discale

La tecnica prevede l’asportazione di una piccola porzione di disco erniato per mezzo di un ago rotante introdotto in via percutanea, riducendo così il volume all’interno del disco, si favorisce la diminuzione della pressione sul nervo e di conseguenza si ha un sollievo dal dolore.

Denervazione delle Faccette Articolari

La denervazione delle faccette articolari è un’applicazione che viene eseguita solo su pazienti che hanno la Sindrome delle faccette articolari, ossia la degenerazione artrosica delle superfici articolari di una o più vertebre vicine.

Vengono colpiti i piccoli nervi delle faccette con un ago che conduce energia elettrica a basso voltaggio.

La lettura della scariche da parte dei nervi, comporta l’intorpidimento dell’area da trattare con conseguente interruzione della trasmissione del dolore.

Peridurografia e Peridurolisi

L’applicazione viene seguita su pazienti con dolore derivato da precedenti interventi chirurgici al midollo spinale (FBSS fail back surgery sindrome) o affetti da stenosi del canale spinale.

Viene eseguita con l’utilizzo di un fluoroscopio, che è uno strumento radioscopico che permette di visionare le strutture interne dell’organismo.

A livello caudale, viene posizionato un piccolo catetere, che ha l’obiettivo di raggiungere la sede di una fibrosi radicolare, ossia una cicatrice che avvolge la radice nel nervo spinale.

Blocco Peridurale Lombare Transforaminale

Tale applicazione solitamente viene eseguita su pazienti che riscontrano le seguenti patologie:

  • degenerazione del disco
  • ernia del disco
  • eventi compressivi a carico della radice del nervo spinale
  • condizioni di stenosi (restringimento) del canale spinale

Il blocco peridurale lombare transforaminale viene effettuato per via percutanea, introducendo un ago che raggiunge la radice del nervo infiammato, il tutto eseguito tramite l’utilizzo di un fluoroscopio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp chat